domenica 2 maggio 2021

Iris Baretto vince la 14^ Scarpa d'Oro! I risultati e i protagonisti

L'Atletica Vigevano ce l'ha fatta! Dopo un anno senza la sua mezza è riuscita in questo 2021 a proporre la Scarpadoro, la mezza maratona meta di tanti atleti che cercano di trovare la giornata giusta per "staccare" il personale.

Le statistiche raccontano di 457 iscritti con 443 arrivati, quest'anno le regole dettate dalla pandemia avevano consentito l'iscrizione di un massimo di 500 partenti per la mezza maratona. Tutti i pettorali erano già esauriti con due settimane di anticipo.


Segui il CALENDARIO Bio Correndo per gli aggiornamenti

Precedenza alle donne per una alessandrina, anzi una ovadese protagonista. E' Iris Baretto. I colori sono quelli del Trionfo Ligure, ma lei come sappiamo è di Ovada. Un periodo per lei dove è mancato l'acuto della vittoria. 2^ neil campionato regionale di cross ligure,  2^ nei 10000 di Villa Gentile anche se con PB, 2^ domenica scorsa a Novi Ligure nei Colli Novesi e quest'oggi invece le è riuscito ciò che nel recente passato le è riuscito fare. Cosa? Primeggiare! Le sue parole per Bio Correndo:

Finalmente è arrivata la vittoria! "Si finalmente mi sono sentita bene e ho avuto belle sensazioni in gara. Non è il mio personale però sono contenta di come ho condotto la gara. Il percorso non era quello degli altri anni perché lo hanno modificato e c'era molto sterrato"

1h21'36" contro lh21' basso. Poco male, la stagione è lunga. 2^ la protagonista assoluta della Scarpa d'Oro degli ultimi anni. Lei è Karin Angotti del GP Garlaschese. Per lei, nelle ultime 5 edizioni 3 vittorie e 2 secondi posti con quello di oggi. Monumentale. Oggi si accontenta dell'argento con un crono un po' alto per le sue qualità: 1h25'53", terzo gradino del podio per Laura Brenna (Aries Como At. Tema) in 1h27'53".

Tra gli uomini primeggia il trentaseienne Giovanni Vanini della Cardatletica che realizza il suo personali in 1h09'54". Non stava più nella pelle per la felicità. "Avevo partecipato a questa gara, nel 2015 ed ero finito ottavo in 1h15'. Adesso ho sbriciolato quel tempo. Su questo percorso mi sono trovato a meraviglia, lo conoscevo già, ma mi ha sorpreso ancora per la sua bellezza".


L'atleta della Cardatletica si è lasciato alle spalle Davide Perego (Falchi-Lecco) 1h11'11" e uno dei più forti master (classe 1972) italiani Massimiliano Milani (Atl. San Marco) che chiude in 1h11'25".

LINK AI RISULTATI

In azione anche la Bio Correndo AVIS con un quintetto di atleti:

Paolo Crivellari 1h27'10" e 4° di categoria
Matteo Patrucco 1h32'39"
Marco Bergamini 1h33'14"
Davide Crevola 1h36'50"
Giuseppe Azzalin 1h39'36"




Nessun commento:

Posta un commento